mercoledì 22 febbraio 2012

CICERO CHAT _ VIRGILIO POST

« O tu che sei il più eloquente dei Romani,
quanti sono e ce ne furono, Marco Tullio,
quanti ce ne saranno negli anni a venire,
ti rende un grandissimo ringraziamento Catullo
il poeta peggiore di tutti,
tanto il poeta peggiore di tutti,
quanto tu l'avvocato migliore di tutti. »

Catullo, A Cicerone (Carre 49)


(www.vaevictis.lat)

NICK NAME                                                                                     PROFILO

CICERO                                                                                          tuttologo
ATTICO                                                                                           telefono amico
CRASSO                                                                                         bastardo dentro ricco fuori
KAESAR                                                                                          40enne insoddisfatto
KAISER                                                                                            hacker teutone
CZAR                                                                                                hacker scita
OTTAVIANO                                                                                     the boss
MARCANTONIO                                                                               marcantonio
CLODIO                                                                                            the tribune
CLODIA                                                                                             lesbia bsx
CATULLO                                                                                          odiamoamoodio
CLEOPATRA                                                                                     faraona
ULISSE ALLA CONQUISTA DI TROIE                                              stallone
CLITONNESTRA                                                                                adultera
GIULIA                                                                                                 Iside raver
ELENA                                                                                                Aphrodite child
CATONE                                                                                             aspirante suicida
SULPICIA                                                                                             poetessa
CARFANIA                                                                                           woman in law
LALAGE                                                                                                rido 1 casino
FRANCESCO PETRARCA                                                                  intruso





STANZE
FORUM: 4 chiacchere al centro di politica, affari, attualità.
TERME: dove spogliarsi senza inibizioni.
QUADRIPORTICO CETRA: per chi ama la musica e le muse.


FORUM
<CICERO> Attico
<CRASSO> dove? Suburra? Esquilino?
<CICERO> Attico non attico. Attico SI attici NO
<CRASSO> asiano SI attico NO a sì? NO! ah ah ah!!! :-D
<CICERO> Ignore


PUBBLICITA’
Ki sortirà? ki? dalla Domus Aurea?
Per queste idi in nomination: Asinio
Pollio, Messalla Corvino, Cornelio
Gallo e la divina Tacita Muta.
Tributa il voto anche tu al MEGADELFO!


<KAESAR> azz, 40 anni! e ke ho conbinato? MegAlex a 20 già distrutta Tebe, tebani skiavi pronto a conquistare mezzo mondo... :-(
<OTTAVIANO> no problem, pa': io già a 18 farò ancora + kasino! :-)


TERME
<MARCANTONIO> Cleooooooooooo
<MARCANTONIO> 
<CLEOPATRA> bell’Anubone mio andiamo in prv. ke cé Kaesar nel Forum
<MARCANTONIO> ok Kiss (:p)
<CLEOPATRA> kiss 
<CLEOPATRA> no prv, Kaiser!
<CLEOPATRA> no prv, Czar!
<CLEOPATRA> insommaaaaa... niente chat private: non è ancora tempo!!!



PUBBLICITA’
Mi sono fatta Manio e anche Numasio:
cogli anche tu l’attimo, contattami
al solito numero orfico. ISIDE


QUADRIPORTICO CETRA
<CATULLO> :-(
<CLODIA> :-)
<CATULLO> :-)
<CLODIA>: :-(
<CATULLO> 
<CLODIA> $
<SULPICIA> ciao Clò ciao Cat
<CLODIO> ciao superbellaaaaaa
<CATULLO> ciao
<SULPICIA> raga, notizia fantastika: non vado + con mio zio in campagna: resta a Roma x il compleanno!
<SULPICIA> così potrò vedere  CERINTO 
<CLODIA> ma sono troooppo felice :-)))
<SULPICIA> dai, celebriamo tutti questo giorno, tanto più ora che giunge inaspettato!
<CLODIA> siiiiiiiiiiiiiiiiii :-D
<CATULLO> 1altra volta, Sulpi, oggi non sto bene
<SULPICIA> Cat, kosé ke non va?
<CATULLO> ...
<SULPICIA> ?
<CLODIA> lascia xdere il poeta: ci siamo lasciati.
<SULPICIA> di nuovo? ancora? e quante volte fanno?
<CLODIA> !
<CATULLO> troppe, anke + dei baci.


TERME
<ULISSE ALLA CONQUISTA DI TROIE> cazzo voi donne dovreste stare a casa a filare la lana come si faceva una volta, scopare quando vuole il marito e giù a far figli. esse uscite azllora ditelo ke siete troie no ke state a rompere i coglioni a noi uominoi dicendo ke avete lo stesso diritto e tutte le altre cazzate del genere.CAPITOOOOOOOOOOOO :-O!!!!!!!!!!
<ELENA> ohè ma da dove 6 sbucato? 6 appena uscito dal cavallo?
<CLITONNESTRA> guarda ke ti faccio fare la fine di mio marito!
<LALAGE> ma ke 6 procio? ah ah ah ah ah ah
<CLODIO> tipe: tutte stasera alla festa di Iside! :-)))
<CARFANIA> azz, stasera non posso: devo preparare
<CLODIO> il garum?
<CARFANIA> scemo! No, devo preparare un intervento in tribunale per domattina
<GIULIA> xò domani sera vieni al rave ke faccio a Valle Giulia
<CARFANIA> se porto anche Mesia di Sentino e Ortensia è un problema?
<GIULIA> ma skerzi? Siete troppo giuste! :-D


PUBBLICITA’
Finché vivi splendi se puoi, ma poi,
prima di morire, vieni da noi
“Pompeo pompe funebri”: che altro vuoi?


<CATONE>: MALEDETTA PUBBLICITA’!

FORUM (Chat privata)
<CICERO> Insomma, io non sono l’uomo tutto d’un pezzo che ho sempre detto di essere, anzi, mi sento a pezzi, mi tremano le ginocchia, sono tutto un tremito, un sudore che penetra fino al midollo le mie povere ossa: ho paura di Cesare, ho paura di Ottaviano, ho paura di Marco Antonio. Ho paura perfino della mia ombra: temo che non mi sia più fedele neanche lei. Cosa devo fare? Dove devo andare? Nessuno mi vuole bene!



Interferenza

<PETRARCA>: No! Cicero! No! Non puoi farmi questo!

Dissolvenza

<ATTICO>: Ragazzi, cerchiamo di darci una calmata.




Nota Un grazie di cuore al misterioso ULISSE ALLA CONQUISTA DI TROIE, da me una volta incontrato in chat. Questo inquietante pseudonimo (“nick name”), così prepotentemente omerico in un contesto generalmente alieno da ogni forma di classicismo, ha ispirato al sottoscritto la messa in Internet di alcuni personaggi della Roma tardo-repubblicana (I sec. a.C.). Per i più famosi, dopo la mole di note con cui ho già sommerso il lettore, rinvio a un qualsiasi dizionario storico (troveranno così anche la motivazione dei loro “profili”, altra cosa importante da dire di sé quando si entra in chat). Per gli altri darò succinti chiarimenti biografici. Dopo aver ricordato che 1) le “stanze” sono sezioni separate a tema, dove di norma si ritrovano chattatori che hanno in comune determinati interessi (anche se uno, potete immaginare quale, prevale su tutti); 2) prv, significa “in privato”, quando si vuole dialogare con un altro su un canale accessibile solo a due persone, un po’ come al telefono (no prv= ti sbatto la cornetta in faccia); 3) ignore sta per “non mi interessa”; gli altri simboli, nell’ordine: “sono contento”, “sono triste”, “volo alto”, “cuore-amore”, “picche/ti odio”, “taglia corto”, “vedo tutto fiorito”, “erezione”, “vi trafiggo”. Ma passiamo ad Attico, uomo tanto ricco quanto generoso e colto, amico pazientissimo (era epicureo) del genio piantagrane di Cicerone, che lo sommerse di lettere. Questa corrispondenza, che rivela il lato privato e decisamente antieroico del grande oratore, fu ritrovata solo nel XIV secolo dal nostro Francesco Petrarca: ne rimase scioccato! E, sempre riguardo ad Attico, il gioco di parole di Crasso con attico (elemento architettonico) e attico (nel senso di “atticista”, seguace del sobrio stile letterario di Lisia di Atene, contrapposto a quello esuberante della scuola “asiana”, cui era più legato Cicerone). Poi, la solita interruzione pubblicitaria. Viene reclamizzata una versione romana del “Grande Fratello” (in greco Magadelfo). Ospiti della “Casa d’oro”: due mecenati, un grande poeta (di cui non ci è rimasto quasi nulla), una dea dei morti a cui Giove aveva strappato la lingua. Seguiranno altri due spot. Uno hard, con protagonista l’amatrice esoterica Iside (nome di una dea egizia molto venerata anche a Roma), da contattare con un numero telefonico orfico (magico, legato ai misteri religiosi di Orfeo, di Dioniso), che ha già avuto interessanti esperienze con i primi nomi propri tramandatici in latino scritto (Manio e Numasio). L’altro, di una fastosa ditta di pompe funebri, che sfrutta anche l’inizio di una nota canzone tardoantica sull’argomento (e fa arrabbiare Catone l’Uticense, morto suicida). E dopo la morte, ancora l’amore: quello fra Antonio (il generale che verrà sconfitto dal più giovane Ottaviano) e Cleopatra (che stava prima col padre adottivo di Ottaviano, Cesare, quello che a 40 anni si lamentava di non aver combinato niente, mentre Alessandro Magno... non sembra “Beautiful”?). Il contrastato amore fra il poeta Catullo e Clodia (sorella del contestatore Clodio, tribuno della plebe), relazione finita malissimo. Contrariamente, spero, a quella fra la poetessa Sulpicia, delicatissimo fiore, e il suo Cerinto. Quindi, passando dai sentimenti alla sauna, un tosto gruppo di donne sbeffeggia l’ennesimo moralista frustrato e segue il nostro Clodio, più simpatico e scapestrato. Poi: due eroine poco amate da Omero, un’amica di Orazio (“Lalage che dolce parla e anche ride”), una donna “impegnata” (Carfania, luminoso esempio di libertà al femminile valido anche oggi, come pure Mesia di Sentino e Ortensia), la figlia allegra di un imperatore freddo (Giulia, figlia di Ottaviano Augusto).


Luca Traini (2004)


VIRGILIO POST

Anime che si drogano (bucolica 2004)









Nota Poemetto in endecasillabi ispirato all’opera del sommo Virgilio, al caro "Bacco in Toscana" di Francesco Redi, ma anche e soprattutto al delizioso testo scientifico di Giorgio Samorini “Animali che si drogano”, a cui dedico questo lavoro, in buona parte trasposizione in versi del suo libro (di cui consiglio viva-mente la lettura). Protagonisti: due pastori stile “on the road” che portano gli stessi nomi dei loro antenati greco-latini: Titiro e Melibeo (anche se in origine è stata forte la tentazione di tradurli in inglese: Mark Freetup & Luke Soundcow).

Nessun commento:

Posta un commento