martedì 12 gennaio 2016

TRE ADAGI PER HOLBEIN IL GIOVANE


File:Hans Holbein, the Younger - Sir Thomas More - Google Art Project.jpg

Le mani volevano comunicare la cura del presente, cercavano di stringere le carte, ma quegli occhi inquieti, il brivido sottile delle labbra, quelle minuscole ciocche di capelli che sfuggivano al cappello testimoniavano  un’ansia di rinnovamento che nessuna veste preziosa, nessun collare… Il gioco di chiaroscuri sul velluto rosso è quel fuoco.


File:Holbein-erasmus.jpg

Io ritraggo come Erasmo fa filologia, andando al cuore delle parole raccolte nel gesto, che pronunceranno quegli occhi.


La parte destra del volto è il pittore. La sinistra, l’uomo.
L’occhio destro è socchiuso e indaga attento i suoi simili.
Il sinistro è spalancato, come malato, e cerca - o ha già visto -  Dio.

File:Hans Holbein the Younger, self-portrait.jpg

Io sono qui e ora. E di me resta questo.

1 commento:

  1. tre ritratti crudi, reali, quanto traslati irrealmente nel vortice visionario di un
    giovane pittore che,a distanza di secoli, ne da un commento, coerente, implacabile, assurdo....

    RispondiElimina