giovedì 26 febbraio 2015

ROMA, PARCO DELL’ACQUEDOTTO ALESSANDRINO: UN GIOIELLO POCO CONOSCIUTO


Roma non è solo il Colosseo: è uno scrigno di “preziosità da vivere” (definizione che prendo in prestito dalla mia compagna di viaggio Debora Ferrari). Pertecipando a Periferica #ArtIsAct, abbiamo l’occasione di conoscere un angolo dell’Urbe dove posso connettere da un altro punto di vista passato e presente (è il mio mestiere) in una prospettiva di ampio respiro, fra città e campagna.


Il Parco dell’Acquedotto fatto costruire dallo sfortunato Alessandro Severo (208-235) è un’oasi di pace preziosa, dove l’eco remota dell’anarchia militare di quell’impero non sfiora neppure da lontano la serenità delle famiglie in cerca di svago e dei devoti allo jogging – anche se il cielo si sta annuvolando.


In cerca di ispirazione e nel gioco di ombre del sole, trovo sul mio cammino una palma…



La palma esausta

Stanca di trionfi e di trofei
La palma resta accanto al cestino


E dà le spalle o saluta
I resti dell'Acquedotto di Alessandro Severo,


Le tartarughe e i gabbiani
Di un giardino con laghetto
Nel Quartiere Alessandrino

Tutta la pace della Repubblica
Senza le guerre dell'impero


La Storia passa sotto
Come il nuovo acquedotto
Meglio berla dal rubinetto
Con moderazione



Foto di Debora Ferrari e Luca Traini (c)

Nessun commento:

Posta un commento