mercoledì 19 novembre 2014

L'INFERNO _ THE CHILD AND BRAMANTINO


7 anni: l’età in cui avrebbero iniziato a pesare i peccati mortali.
Fu quanto mi rivelò la nonna mentre sfogliavo il fascicolo dei “Maestri del colore” dedicato al Bramantino. C’erano l'Ecce Homo allucinato e la Crocifissione di Brera, con la luna che piange e l’angelo del demonio sopra il ladrone cattivo.
Io resto senza parole. Ho appena il coraggio di spostare lo sguardo sopra un cadavere scomposto e una rana mostruosa ai piedi della Madonna col bambino che sta all’Ambrosiana.
Poi vado dalla mamma e le dico che ho davvero paura del fuoco eterno. Lei cerca di confortarmi e all’inferno ci manda la numerologia sacra di sua madre.
Già irrequieto di mio, per anni non riesco ad essere davvero tranquillo. “E il peccato mi sta sempre davanti” (Salmo L, 5-7).
A 17 anni scopro che il teologo Origene aveva teorizzato l’”apocatastasi”, ovvero, la non-eternità dell’inferno. Finalmente un giorno tutti - ma proprio tutti - ci saremmo riuniti al creatore, al padre (e io di padre vero non ne avevo mai avuto uno).
La chiesa condanna la posizione di Origene.
Per 5 anni persevero. Poi, a 22, abbandono cristianesimo e cattolicesimo come oggetto di fede. L’inferno, il paradiso: sono qui. E anche il purgatorio (l’invenzione più bella).
Di Bramantino oggi apprezzo la forza visionaria e i fantasmi di architettura classica.

Nessun commento:

Posta un commento