venerdì 21 novembre 2014

BELA LUGOSI E MURNAU: "JANUSKOPF", 1920


[...]

Murnau Mezzo distratto mentre sistema cinepresa e set di "Januskopf"
Lei Lugosi ha una voce baritonale veramente possente
Peccato doverle strappare la lingua
La strappavano agli eretici prima di bruciarli

Lugosi
In teatro recitavo non solo per gli spettatori delle prime file
Ma anche per quelli delle ultime file della galleria
E c'era una certa esagerazione in tutto quello che facevo
Necessaria non solo nell'intensità tonale della mia voce
Ma anche nei cambiamenti dell'espressione del mio viso
Le prendevo forti come si suo dire



INTERVALLO Commento musicale Hanns Eisler, Kurt Tucholsky Rückkehr zur Natur

Murnau 
E' triste inevitabilmente
Schiacciare su un piano un corpo di muscoli nervi sangue
Fotocopiare i moti che stanno dentro fuori
Il piano non ha profondità

Rivolto a Lugosi Le sue guance rubizze
Questi occhioni
Queste mani violacee per il freddo
L'arcobaleno che sorge dalla tempesta sarà
Bianco
E nero
E basta

Tutto viene tagliato di luce ombra
Inevitabile sia così
I sogni sono così
Bianco e nero

Lugosi rivolto a un pubblico che non c'è
Recitando nel cinema scoprii
Che avevo molto da disimparare sullo schermo
Dove la distanza di un attore da ogni membro del pubblico
E' uguale soltanto alla sua distanza dall'obiettivo della macchina da presa

Ho scoperto che era assolutamente necessaria
Una buona dose di
Repressione

[...]

1 commento:

  1. Mi piace molto. Si tratta del film "Testa di Giano"? Murnau l'ho conosciuto con "Nosferatu" e "Faust", meraviglie, ma tra tutti è "Aurora" quello che preferisco di gran lunga.

    RispondiElimina