martedì 14 maggio 2013

JEAN-ANTOINE WATTEAU, "ARLECCHINO GALANTE"


Arlecchino - Rivolto alla donna dipinta alla sua destra. Non copritevi il seno

La donna sbigottita - Oh Arlecchino
Il volto la maschera
Scompare nell’ombra
Sembrate un corpo senza testa

Arlecchino - Avete la mano sul cuore

Erma solitario - Dipinto in mezzo alle fronde, sopra i due.
Con voce lieta. Sono di marmo
Con voce triste. Sono di pietra

L’uomo seduto col cappello rosso - Rivolto alla ragazza seduta con un libro aperto in mano.  E’ un gioco signorina

La ragazza seduta - Sono pagine bianche signore

L’uomo seduto col cappello rosso - Non scherzate
E’ un libro aperto

La ragazza seduta - Vi sbagliate
Sono solo pagine bianche

L’uomo seduto col cappello rosso - Non sono pagine aperte a caso
Sono poesie d’amore

La ragazza seduta - Continuate a voler credere
In qualcosa che non c’è
Sono solo pagine bianche

L’uomo in piedi appoggiato all’albero - Sono triste
Sono affranto
Non ho più voglia di vivere

Arlecchino - Sempre rivolto alla donna di prima. Signora sentite
Quant’è fredda la pietra
E quale calore emana il mio corpo.


Commento musicale Jean-Féry RebelTombeau de Monsieur de Lully


Jean-Antoine Watteau, Jean.Féry Rebel, 1710


Nessun commento:

Posta un commento