giovedì 29 novembre 2012

LOVE ADA LOVELACE

TEA 4 SOFTWARE'S THEA



Taglio, incollo, salvo e risolvo in cantO
Hardware fatti di trine e di merlettI:
È un software di sospiri che fa i contI,
Ada, uno, e quel che resta è sempre zerO.


L' endecasillabo binario prevede al termine di ogni verso le vocali O e I, che ricordano i numeri 0 e 1 della matematica binaria.


English translationSalvatore Fallica


Binary Quatrain

I cut and paste, save and solve and sinG
Hardware made of silk and laceS:
A software of breaths calculateS,
Ada, one, and what’s left is always nothinG.


File:Ada Lovelace.jpg
Margaret Sarah Carpenter  (1793-1872), Ada Lovelace, 1836

L’inventrice del software (1815-1852), della scheda forata per il computer da lei teorizzata sulla scia di quella per il telaio di Jacquard. Figlia del poeta George Byron e della matematica Anne Isabella Milbanke, racchiude già nella sua persona quella sintesi di arte e scienza che ha ispirato Game Art Gallery fin dalla prima mostra nel 2009. Dipinta su legno anche perché "tecnologia" deriva dalla radice "tek", ovvero, "intelaiatura di legno". Esposta a “Neoludica – Art is a Game” alla 54° Biennale di Venezia (http://neoludica.blogspot.it/).

Nessun commento:

Posta un commento